» » Escursionisti per caso  » relazioni, arrampicata, arrampicate, vie di roccia, vie normali, vie di ghiaccio, scalata, scalate, alpinismo, scialpinismo, ferrate, ferrata, alpinisti, alpinista, cordata, montagna, civetta, pelmo, antelao, tofana, trekking, vie ferrate, escursioni, dolomiti, escursioni in dolomiti
Nome:        Monte Rosa

Cima:         P.ta Gnifetti

Zona:         Rosa

Altezza:     4554 mt.     Dislivello: 1300 mt.

Tempi:       1 e 1/2 + 4-5 ore

Difficoltà:    facile

vista l’altitudine, attenzione al mal di montagna.

Strada di accesso:
Da Alagna Valsesia (mt. 1191) prendere gli impianti di risalita per Punta Indren. Sono formati da 3 tratti: 1 telecabina, 1 seggiovia e 1 funivia. Da Punta Indren (mt. 3260, 1 bar-ristorante) ci si incammina verso il Ghiacciaio di Indren percorrendo un tratto pietroso abbastanza breve (variabile a seconda della stagione). Proseguire sulla traccia battuta che, praticamente in piano, attraversa il Ghiacciaio. Spesso, ad un certo punto, la traccia si divide in due: quella bassa e quella alta. Quella bassa prosegue in piano fino al termine del Ghiacciaio, oltrepassa una pietraia, poi riprende a salire e in breve arriva al Rifugio Citta di Mantova. Da qui è visibile chiaramente la Capanna Gnifetti. La si raggiunge seguendo la traccia che sale diritta, per poi deviare a sinistra. Pochi metri di sentiero pietroso e si giunge sui gradini del terrazzo della Capanna Gnifetti (mt. 3647).

Relazione:
Salendo dietro al rifugio in breve ci si trova in una grande conca del Ghiacciaio e da qui la traccia in condizioni normali è evidente. La si segue facendo sempre attenzione ai crepacci. Attraversata la conca si prosegue in ripida salita. Alla destra c’è la Piramide Vincent. Continuare la salita, che per più di una volta si attenua e sembra finire; oltrepassata la Piramide Vincent si vede il Balmenhorn e la sua statua del Cristo delle Vette (utile riferimento). Molto importante sapere che, in caso di necessità dovuta al cattivo tempo o altro, sul Balmenhorn c'e il Bivacco Giordano.
Sempre alla destra poi si vede il Corno Nero e proseguendo si giunge ad un largo pianoro: il Colle del Lys. Qui si è circa a metà tra Capanna Gnifetti e Capanna Margherita (visibile davanti). Lasciata a destra anche la Ludwigshohe si riprende il cammino seguendo la traccia che scende leggermente e poi in piano prosegue costeggiando la P.ta Parrot; riprende poi la salita leggermente a sinistra e poi diritta verso l'alto. Alla fine di quest'altra ripida salita ci si trova al Colle Gnifetti, da qui si prende a destra. L'ultimo tratto in diagonale destra e poi sinistra permette di arrivare sulla Punta Gnifetti, dove sorge la Capanna Regina Margherita, il rifugio più alto d’Europa (mt. 4554).

Discesa:
Si scende al Colle Gnifetti e poi a sinistra verso il Colle del Lys per seguire il percorso della salita fino a punta Indren.




















> Graphic by Army © 2000-2020 Webdreams