» » Escursionisti per caso  » relazioni, arrampicata, arrampicate, vie di roccia, vie normali, vie di ghiaccio, scalata, scalate, alpinismo, scialpinismo, ferrate, ferrata, alpinisti, alpinista, cordata, montagna, civetta, pelmo, antelao, tofana, trekking, vie ferrate, escursioni, dolomiti, escursioni in dolomiti
Nome:        Visita alla Torre caduta

Cima:         Torre Trephor

Zona:         5 torri

Altezza:          Dislivello: 150 mt

Tempi:       2 - 3 ore

La Torre Trephor non esiste più. La guglia di pietra staccata della Quarta Bassa delle Cinque Torri di Cortina , nota agli arrampicatori di tutto il mondo, si è spaccata in tre parti improvvisamente, resta ora un ammasso di pietre e polvere al posto del monolite alto una cinquantina di metri.

Strada di accesso:
L'area delle Cinque Torri occupa la zona tra il Passo Falzarego e il Passo Giau, a cavallo dei Comuni di Cortina d'Ampezzo e Colle Santa Lucia. Sono due le strade che consentono di raggiungere la zona: la statale 48 delle Dolomiti raggiunge la località Bai de Dones, a 14 Km da Cortina e 3 dal Passo Falzarego, da dove parte la seggiovia per reggiungere le Cinque Torri; oppure la provinciale 638 del Passo Giau, in prossimità del quale si trova la seggiovia Fedare che consente di raggiungere la zona dell'Averau.Tramite questi collegamenti la zona è facilmente raggiungibile sia in estate che in inverno, anche mediante l'utilizzo di mezzi propri parcheggiando nei pressi del ri. Cinque Torri.

Accesso:
Con partenza dal Rif. Cinque Torri si segue il sentiero che sale a Est della Torre Grande.

Relazione:
Con un giro circolare antiorario si prosegue dopo la vista della torre caduta a tutte le altre torri.

Discesa:
Per la sola visita della torre caduta si ritorna per lo stesso sentiero, il giro circolare invece riporta al punto di partenza.
















> Graphic by Army © 2000-2017 Webdreams