» » Escursionisti per caso  » relazioni, arrampicata, arrampicate, vie di roccia, vie normali, vie di ghiaccio, scalata, scalate, alpinismo, scialpinismo, ferrate, ferrata, alpinisti, alpinista, cordata, montagna, civetta, pelmo, antelao, tofana, trekking, vie ferrate, escursioni, dolomiti, escursioni in dolomiti
Nome:        Gianleo

Cima:         Col Gallina

Zona:         Croda Negra

Altezza:          Dislivello: 230 mt

Tempi:       1.30 ‑ 2 ore

Difficoltà:    III IV IV+ 1p V­

Materiale:    8‑10 rinvii, dadi o friend, cordini

Punto di partenza:    Rif. Fedare 2000 m

Itinerario bello, divertente, su roccia buona e ben chiodato. L'unica pecca è il tiro centrale su delle rampe di II con detriti in cui bisogna stare un po' attenti.

Attacco:
Dalla statale per il P.so Giau, fermarsi al Rif. Fedare. Prendere la mulattiera che passa sotto la seggiovia, continuare per altri 100 m fino ad intraprendere il sentiero sulla destra; seguirlo fino ad un tabià. Deviare a destra per prati puntando ad una caverna di guerra con croce, arrivati nei pressi di codesta caverna piegare a sinistra seguendo dei bolli rossi. Arrivare nei pressi di una torre con grotta salire nei pressi di una forcella, ora abbassarsi e puntare alla parete. L'attacco si trova circa 100 m più basso della sello tra la Croda negra e la Torre Esperia. Scritta di vernice e freccia.

Relazione:

1.  Salire per rocce nere fino ad un ch. alla base di una lunga fessura che si segue per intero fino ad una sosta su 2 spit (50 m.; III, IV, IV+).

2.  Superare il sovrastante diedro e continuare per articolate rocce fino ad una cengetta con chiodo e clessidra con cordino dove sostare (30 m.; III, II).

3.  Rimontare la sovrastante rampa puntando leggermente a sinistra verso una colata di rocce nere. Sosta su uno spit. (50 m.; II, III).

4.  Dalla sosta puntare ad una clessidra con cordino, da questo obliquare a sinistra puntando ad un paio di spit. Superare un muretto ed andare a sostare su di una cengetta con spit (30 m.; IV+, 1 p. V-)

5.  Dalla sosta puntare ad una colata rocce nere, superarla con andamento obliquo da sinistra verso destra, spit. Continuare seguendo un diedrino un po' delicato (spit) e da questo uscire in cima. Sosta su spuntoni 40 m.; IV, IV+).

Discesa:
Soluzione 1: si scende per sentiero fino a forcella Averau e da questa di nuovo al rif. Fedare. 1 ora

Soluzione 2: Dalla cima andare verso Est direzione Averaru, continuare per sentiero fino a dei resti di trincee su una forcelletta (ometto); da qui calarsi un metro per prendere l'ancoraggio per la doppia e con una calata da 50 m si arriva nel sottostante canale da qui per sentiero al Rif. Fedare



















> Graphic by Army © 2000-2020 Webdreams