» » Escursionisti per caso  » relazioni, arrampicata, arrampicate, vie di roccia, vie normali, vie di ghiaccio, scalata, scalate, alpinismo, scialpinismo, ferrate, ferrata, alpinisti, alpinista, cordata, montagna, civetta, pelmo, antelao, tofana, trekking, vie ferrate, escursioni, dolomiti, escursioni in dolomiti
Nome:        Colbertaldo

Cima:         Sasso di Stria

Zona:         Sass de Stria

Altezza:     2477 mt     Dislivello: 200 mt

Tempi:       2 - 3 ore

Difficoltà:    III, IV, 1p IV+

Materiale:    Chiodi in loco, soste su anelli cementati

Punto di partenza:    piccolo spiazzo nei pressi di un grosso masso al bordo della strada che da Passo Falzarego sale al Passo di Valparola, a quota 2150 m ca.

La via si sviluppa, per buona parte, lungo l'aereo spigolo SE, ben visibile da Passo Falzarego, ed esce in vetta per una serie di camini e fessure in parete est. Roccia buona.

Attacco:
Dalla strada, per traccia di sentiero, ci si abbassa ad un valloncello e si segue poi una traccia più marcata che sale verso sinistra costeggiando la base delle rocce. Con qualche serpentina su ripido pendio erboso con mughi ci si porta sotto la verticale dello spigolo (bollo rosso ben visibile anche dal Passo), allo sbocco di un breve canalino roccioso. Attacco 1C (ca. 30 min).

Relazione:

1.  Rimontare il canalino e, al suo termine, obliquare a sinistra fino ad un pulpito sotto un breve diedro verticale. Sosta su an. cem. (ca 25 m; II).

2.  come tiro 3

3.  Salire per il diedro, molto levigato all'inizio (IV), e proseguire direttamente lungo lo spigolo con aerea arrampicata fino ad un'evidente placca giallastra. Soste ottime su anelli cementati (ca. 80 m; III, III+, lp. IV; 3 4C).

4.  Traversare 4 5 m a destra (1C) mirando ad una fessura camino che si segue (1 C) per piegare poi a sinistra su facili rocce (1C) ad un intaglio sulla sommità dello spigolo. Sosta su an. cem. (ca. 35 m;111; 3C).

5.  Proseguire verso destra ad un largo colatoio che in alto si chiude a camino, uscendone a sinistra su cengetta detritica. Sosta su 1C (ca. 40 m; II, III).

6.  Salire direttamente per qualche metro e traversare poi a destra per entrare in una profonda spaccatura, il Passaggio Est, oltre la quale una cengia ed un breve caminetto con blocchi conducono sotto la parete terminale, caratterizzata da una fessura diedro e da un ripido canalino ghiaioso. Sosta su blocchi (ca. 40 m; II, lp. III).

7.  Salire per la fessura diedro, liscia e verticale all'inizio (IV+, 1C), rimontandola completamente fino alle facili rocce sotto la croce di vetta. Sosta su an. cem. (ca. 25 m; IV+, IV; 2C).
N.B.: La difficile fessura diedro può essere evitata risalendo il facile canalino ghiaioso sulla destra (ca. 30 m.; pp.I).

Discesa:
Si svolge lungo il facile crinale nord (bolli rossi), per traccia di sentiero e qualche breve salto roccioso (pp. I), toccando trincee e scalette della Grande Guerra. Raggiunto il forte'Ntra' iSass al Passo di Valparola, 2197 m, in breve, seguendo la strada, si ritorna allo spiazzo di partenza (ca. 45 min).




















> Graphic by Army © 2000-2020 Webdreams