» » Escursionisti per caso  » relazioni, arrampicata, arrampicate, vie di roccia, vie normali, vie di ghiaccio, scalata, scalate, alpinismo, scialpinismo, ferrate, ferrata, alpinisti, alpinista, cordata, montagna, civetta, pelmo, antelao, tofana, trekking, vie ferrate, escursioni, dolomiti, escursioni in dolomiti
Nome:        Cima de le Balanzole

Cima:         Balanzole

Zona:         Castello di Moschesin

Altezza:     2093 m     Dislivello: 1200 m

Tempi:       4-5 ore



Percorso facile e senza rilevanti pericoli di slavine, adatto anche per i neofiti, date le modeste pendenze da affrontare

Strada di accesso:
Da Belluno si giunge a Longarone, dove si imbocca la strada della Val Zoldana, che si segue fino al paese di Forno di Zoldo (861 m). Dalla strada che sale da Forno di Zoldo a Pralongo, poco dopo la chiesa di Sant'Antonio, si imbocca a sinistra l'evidente e lunga carreggiata che conduce a malga Prampèr (tabelle). Si parcheggia dove comincia la neve.

Relazione:
Si risale la carreggiata principale a lieve pendenza, senza lasciarsi fuorviare dal tracciato della pista da fondo che per due volte si incrocia. Si costeggiano i tabià del pascolo del Castelaz (994 m), quindi si rasenta con un tornante un piccolo bacino artificiale per poi raggiungere il Pian de la Fopa (1210 m; bella visione sul Giaron de la Fopa e verso gli Spiz de Mezzodì). Fin qui in tarda stagione si può giungere in macchina, con notevole risparmio di tempo. Poco dopo, si percorre la distesa del Pian de i Aoniz (1302 m) e, dopo alcuni ripidi tornanti, si guadagna il Pian de i Palui (1480 m), in ambiente sempre più aperto. Ora in piano e ora in leggera salita, si guadagna un bivio con tabella a quota 1530 m. Lasciata la carreggiata principale, si imbocca la mulattiera che sale gradualmente a destra. Superato un tratto di bosco e attraversati i ghiaioni che scendono dal Castello del Moschesin, si percorrono i dolci pendii sotto le Cime de le Balanzole. Qui termina il lungo traverso, ora si può salire più o meno direttamente a forcella Moschesin e proseguire per i pendii di sinistra (est) che terminano sulle tranquille sommità de le Balanzòle.

Discesa:
Lungo l'itinerario di salita.




















> Graphic by Army © 2000-2020 Webdreams