» » Escursionisti per caso  » relazioni, arrampicata, arrampicate, vie di roccia, vie normali, vie di ghiaccio, scalata, scalate, alpinismo, scialpinismo, ferrate, ferrata, alpinisti, alpinista, cordata, montagna, civetta, pelmo, antelao, tofana, trekking, vie ferrate, escursioni, dolomiti, escursioni in dolomiti
Nome:        Cresta Ovest

Cima:         Punta Penia

Zona:         Marmolada

Altezza:     3343 mt.     Dislivello: 750 mt.

Tempi:       5 ½ ore

Pur essendo sufficientemente attrezzato, ed in condizioni favorevoli non molto impegnativo, tale percorso richiede all'alpinista una certa esperienza di roccia e ghiaccio. Per la discesa lungo il ghiacciaio è indispensabile attrezzatura adeguata (corda, ramponi, piccozza).

Strada di accesso:
Da Caprile passando per malga Ciapèla, 17 km. al passo di Fedaia e al lago artificiale di Fedaia (2053). Dall'estremità meridionale del grande muro della diga, un breve tratto di strada porta alla stazione di partenza della funivia della Marmolada, che trasporta i visitatori fino al rif. Pian dei Fiacconi, gestito (2625).

Accesso:
L'accesso dalla stazione della funivia sul Pian dei Fiacconi è il più breve. II tracciato scende verso il ghiacciaio del Vernel di pendenza non impegnativa e privo di crepacci per superare infine, con l'aiuto di funi metalliche, dei gradoni di roccia con fondo detritico e giungere alla forc. della Marmolada (2896), stretta tra il Piccolo Vernel (3098) e la cresta O della Marmolada, 1 h 1/2.

Relazione:
Dalla forc. Marmolada, dove giunge anche l'accesso dal rif. Contrin, la ferrata si volge verso il piatto fianco N. Salendo lungo alcune serie di staffe e tratti assicurati con funi, il tracciato continua a guadagnare quota (attenzione a vari tratti coperti da “vetrato”). Incomparabile lo scenario, caratterizzato dal forte contrasto tra il ghiacciaio candido ed abbagliante sulla sx e gli impressionanti precipizi rocciosi a dx, verso i quali la ferrata si dirige più volte. Raggiunta la quota di circa 3200 m, l'itinerario sbocca sull’ultimo tratto non attrezzato ma poco pendente. Immediatamente sotto il punto più elevato si trova la piccola capanna Punta di Penia (3343), 3 h 1/2 dal Pian dei Fiacconi.

Discesa:
Generalmente per la discesa si utilizza il sentiero del ghiacciaio, 2 h fino alla stazione della funivia presso il rif. Pian dei Fiacconi (2625), 3 h fino al lago di Fedaia. Il percorso scende lungo un declivio di moderata pendenza coperto dal firn, detto «Schenal del Mul» (schiena del mulo), fino ad un tratto di roccia ripida ed irregolare, alla fine del quale inizia il ghiacciaio. Questi 100 m circa verso il basso non devono essere sottovalutati, poiché si scende in verticale (pericolo di caduta sassi provocata da chi segue da sopra). Barre in ferro, poste ad una distanza di 15—20 m l'una dall'altra, consentono in caso di necessità l'assicurazione con la corda; una fune metallica facilita invece il superamento di un crepaccio vicino al limitare del precipizio.
Una traccia guida dal ghiacciaio della Marmolada verso valle (attenzione al superamento di alcuni crepacci). Escursione su ghiaccio di I grado (indispensabili corda, piccozza e ramponi).




















> Graphic by Army © 2000-2020 Webdreams